Notizie

07/02/2019

Manifattura di Parma: Moda in recupero

Nel terzo trimestre 2018, secondo le elaborazioni della Camera di Commercio di Parma, i settori di produzione della moda a Parma sono cresciuti a ritmi più sostenuti rispetto alla media manifatturiera provinciale. Il dato più eclatante è quello dell'export, aumentato a Parma del 4,9%, rispetto al terzo trimestre 2017, nei comparti tessile, abbigliamento, pelle e calzature, contro un aumento medio del manifatturiero pari a +3% (+1,7% a livello regionale).

Le altre informazioni tratte dal report "Congiuntura economica parmense - Indagine sulle PMI - III trimestre 2018", a cura dell'Ufficio studi della Camera di Commercio di Parma, riguardano tanto il fatturato totale della moda prodotta a Parma, aumentato nello stesso periodo del 2,4% (contro una crescita media dell'1,4% del manifatturiero provinciale), quanto gli ordini (+3,4% contro +1,1% medio provinciale), particolarmentre sui mercati esteri (+3,4% contro +2,4% medio provinciale).

 

Considerando la variazione tendenziale dell'export negli ultimi trimestri, a partire dal terzo del 2016, e mettendo a confronto la moda di Parma con una delle filiere a maggiore vocazione del territorio, ovvero quella alimentare, emerge un recupero del tessile, abbigliamento, pelle e calzature già a partire, pur seguendo poi un andamento non lineare, dal quarto trimestre 2017 (che registrava un +7% dopo la variazione negativa, -3,6%, del trimestre precedente). La spinta di fine 2017 consente alla moda di superare i valori di crescita dell'alimentare negli ultimi due trimestri presi in considerazione (rispettivamente, +1,5% e +4,9% contro +0,4% e +2,1% registrati dall'alimentare).


Fonte: "Congiuntura economica parmense - Indagine sulle PMI - III trimestre 2018", a cura dell'Ufficio studi della Camera di Commercio di Parma

Grafici elaborati dal Consorzio Parma Couture - RIPRODUZIONE RISERVATA